carnevale

Carnevale

Venezia, maschere in laguna

‘Semel in anno licet insanire’ dicevano i latini, ovvero, tradotto letteralmente, ‘Una volta all’anno è lecito impazzire’. Niente di più vero durante il Carnevale, in cui … ogni scherzo vale! E’ questo un periodo dell’anno che, soprattutto per i bambini, è sinonimo di gioia, di allegria e di divertimento, ed ha origini molto antiche. Furono i Romani ad inaugurare le Dionisiache pubbliche e private, nelle quali tutto era lecito, gli iniziati al culto di Bacco si abbandonavano ad una estrema dissolutezza ed alle più turpi nefandezze, in cui patrizi, plebei, schiavi, in umana solidarietà, trascorrevano alcuni giorni nella più gioviale letizia. Un modo per rovesciare le abitudini e i costumi, si figurava di ritornare alla semplicità delle usanze primitive, all’ eguaglianza degli uomini nella vita sociale. Lo sconvolgimento della vita permetteva di ricercare il piacere senza alcun freno, giovani e anziani si potevano abbandonare a sollazzi e banchetti. La tradizione vuole che quello di Venezia sia senza dubbio il più antico, il più affascinante, il più sontuoso, se non altro per la magnificenza delle maschere che invadono la città e la suggestiva cornice in cui si svolge, fatta di canali, calli, bacari e ricchi palazzi. In una parola, da favola.

Prime testimonianze si hanno già nel 1094, sotto il dogato di Vitale Falier, in un documento che parla dei divertimenti pubblici nei giorni che precedevano la Quaresima. Oggi come allora la gente accorre per ammirare le più varie attrazioni: i giocolieri, i saltimbanchi, gli animali danzanti, gli acrobati. Venezia, grande città commerciale, ha sempre avuto un legame privilegiato con i Paesi lontani, con l’Oriente in particolare cui non manca, in ogni edizione del Carnevale, un riferimento, un filo rosso che continua a legare la festa più nota della Serenissima al leggendario Viaggio del veneziano Marco Polo verso la Cina alla corte di Qubilai Khan dove visse per circa venticinque anni.

carnevale

La festa veneziana prosegue la domenica 28 gennaio con il corteo acqueo delle Associazioni Remiere e i percorsi enogastronomici. In primis le celebri fritole veneziane, le tipiche frittelle di carnevale imperdibili. Gustose e fragranti, vengono arricchite da uvetta, spesso anche pinoli, e talvolta farcite con crema, già preparate nel 1600 dai fritolai che tramandavano di padre in figlio la ricetta. Camminando tra calli, ponti e campi si incontrano maschere dalla più pregiata fattura. Quella tipica è Colombina, l’unica maschera femminile ad imporsi in mezzo a tanti personaggi maschili, briosa e furba servetta. Vivace, graziosa, bugiarda, è molto affezionata alla sua signora, altrettanto giovane e graziosa, e pur di renderla felice è disposta a combinare imbrogli su imbrogli. Colombina è molto vanitosa e un po’ civettuola e ci tiene ad avere un aspetto sempre ordinato e attraente. Non ha peli sulla lingua e riesce a mettere a posto qualche corteggiatore che non si comporta più che educatamente. Anche il suo eterno fidanzato, Arlecchino, deve stare ben attento, se cerca di fare lo sdolcinato con qualche altra sua collega, perché lei sa come farlo rigare dritto. Il suo modo di fare nasconde un carattere volitivo e una naturale furbizia che fanno di Colombina un personaggio simpaticamente sbarazzino, molto amato dal pubblico.  Chi desidera indossare una maschera e calarsi a 360° nell’atmosfera, può partecipare alla cena ufficiale e ballo al maestoso palazzo Ca’ Vendramin Calergi.

Con le sue splendide sale rinascimentali è la preziosa location per una serata con un ricco menù proposto dagli chef del Ristorante Wagner, l’accoglienza del Principe Maurice, le emozionanti performance artistiche di Nuart, i costumi dell’Atelier Pietro Longhi, l’eleganza del magico affaccio sul Canal Grande.


Testo di Stefania Bacchini|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

©2018 Trips & Services di Viaggi e Servizi Srl - via G. Dottori, 59/A - 06132 San Sisto - Perugia - P.IVA 03536830544 - info@tripsandservices.com | Privacy Policy

Log in with your credentials

Forgot your details?