Marocco. Tra modernità e Tradizioni

Paesaggi mozzafiato, personaggi misteriosi e affascinanti raccontati attraverso l’esperienza del mio tour fatto nel sud-est del Marocco.

marocco

All’ orizzonte mi appariva imponente e maestoso il deserto del Sahara. Una vasta distesa di sabbia si perdeva al di là dei confini che l’occhio umano possa cogliere. Il mio cuore palpitava e la mente fantasticava sull’ esperienza che da lì a poco avrei vissuto. Mi trovavo a Merzouga, in Marocco, una località dove si respira una sensazione di limite, di frontiera. Merzouga finisce dove inizia l’Erg Chebbi: uno sbarramento di dune di sabbia finissima lungo 30 km e largo 10; la magnificenza delle sue montagne fatte di granelli rossi e arancio arrivano a sfiorare i 160 m. di altezza.

Ad attenderci, a me e ai miei otto compagni d’avventura, c’era una carovana di dromedari guidata da due affascinanti quanto misteriosi “tuareg” che ci avrebbero condotto, attraverso le impervie  dune, al campo tendato, in pieno deserto, dove ci saremmo accampati. Durante il tragitto già si intuiva che ci stavamo inoltrando in un luogo che abbandona ogni contatto con la civiltà per catapultarci in una realtà da sogno dove vivere, al tramonto, in simbiosi con paesaggi mozzafiato fatti di linee morbide e colori dalle forti tinte. La sensazione di infinito e di solitudine che ti pervade (Sahara infatti è una parola araba che significa solitudine) ti ricongiunge quasi ad una presenza divina.

Vivere poi la notte, bivaccando accanto ad un fuoco acceso, sorseggiando tè alla menta o gustando deliziose pietanze come il “tajine”, con i racconti dei tuareg che rendono ancora più surreale e suggestiva l’atmosfera; fotografare le stelle che qui sono più luminose e splendenti che in ogni altra parte del mondo e aspettare l’alba per coglierne i primi tenui colori dell’aurora e con sorpresa scorgere nel cielo una brillante mezzaluna con a fianco venere, quasi come simbolo di richiamo all’ Islam, che qui è la religione praticata.

Il mio viaggio marocchino era iniziato dall’ affascinante città rosa di Marrakech dove la sua spettacolare piazza Jemaa El  Fna brulicante di gente ti fa immergere in un’atmosfera da “Mille e una Notte”; un grande spiazzo dove ogni giorno è possibile assistere a spettacoli di ogni sorta: saltimbanchi, giocolieri e incantatori di serpenti; e dove ogni sera, la stessa, la si vede trasformarsi in un gigantesco ristorante all’ aperto dove fumi e profumi di cibo si mescolano al chiacchiericcio della gente. Il nome della piazza ha in se un che di macabro, vuol dire “raduno dei morti”, nome un tempo giustificato in quanto vi avevano luogo le esecuzioni pubbliche. A poche decina di metri dalla piazza si trova il cuore pulsante della Medina: il souk; questo è il luogo dove usi e tradizioni millenarie si combinano sin dai tempi antichi; un luogo magico ove è normale accettare il tè offerto dal venditore o contrattare sul prezzo di un oggetto messo in vendita. Il tempo è scandito dalle chiamate dei Muezzin dai minareti sparsi per la città che si sovrappongono al vociare di Marrakech.

Lasciata Marrakech raggiunsi, a bordo di un pulmino, la località di Ait Ben Addou attraversando la catena montuosa dell’Atlas. Ait-Ben-Haddou è nata come città fortificata lungo la rotta carovaniera tra il deserto del Sahara e l’attuale città di Marrakech. La fortezza o Ksar è protetta dall’ Unesco come Patrimonio dell’Umanità. L’aspetto che ti colpisce è la sua architettura tipica del Marocco meridionale con i suoi edifici fatti di fango e terra rossa, lo stesso colore della valle circostante, e circondati da alte mura difensive. Arrampicandomi fino al punto più alto della fortezza ho potuto godere di uno strabiliante panorama fatto di vaste distese di terra rossa e , a far da cornice, di alcuni rilievi colorati da mille sfumature. La visione di questi scenari è un qualcosa di indimenticabile, come indimenticabile è la brezza pungente sul viso o l’odore di polvere e terra che si insinua tra le narici. Il paese moderno si è sviluppato fuori dal Ksar e oramai solo poche persone vivono nell’ antico abitato.

Il mio viaggio prosegue seguendo la strada della “valle delle mille Kasbe”…… dai palmeti ai giardini, il percorso si srotola fino alla città delle rose: migliaia e migliaia di rose che profumano l’aria di El Kelaa M’Gouna. Arrivata a Ouarzazate, crocievia delle valli circostanti, mi avventuro verso Tinghr dove ad una cinquantina di chilometri si trova la valle del Todhra con le sue scenografiche gole; un luogo che sembra essere posizionato alla fine del mondo: due scogliere a picco, con un salto di 300 metri, separati solo da uno stretto corridoio.

Un’ultima tappa che merita di essere menzionata, prima della fine del mio viaggio, è la visita fatta all’ Oleificio d’Argan situato a Tizin’Tichka sul Medio Atlas. Qui lo scenario che mi si apre è di donne sedute per terra su una stuoia che con movimenti velocissimi e ripetitivi schiacciano, aiutandosi con un sasso, i gusci del nocciolo d’ Argan. Alla pasta ottenuta viene poi aggiunta una piccola quantità di acqua tiepida per facilitare l’estrazione dell’olio quando la miscela sarà pressata in un piccolo mulino casalingo fatto di due pietre rotanti. L’olio d’ Argan per le sue virtuose e salutari proprietà viene usato sia in campo cosmetico che alimentare. L’albero da cui si ricava il frutto è endemico di queste terre e rappresenta una sostanziosa fonte di reddito per la popolazione locale.


Testo di Mariagrazia De Siena © Latitudeslife.com


 

©2018 Trips & Services di Viaggi e Servizi Srl - via G. Dottori, 59/A - 06132 San Sisto - Perugia - P.IVA 03536830544 - info@tripsandservices.com | Privacy Policy

Log in with your credentials

Forgot your details?